Intelligenza ArtificialeInternet of Things

LG Neural Engine: per l’IoT Smart è in arrivo la nuova architettura per l’Intelligenza Artificiale

LG si prepara al confronto nel mondo dell’Internet of Things sviluppando un nuovo processore dotato di Intelligenza Artificiale Avanzata, specializzata nel campo visivo e strettamente legata agli elettrodomestici Smart che l’azienda coreana intende sviluppare.

Il 17 Maggio 2019 è stato rilasciato un comunicato stampa da parte di LG, che spiega nel dettaglio ogni aspetto riguardante il nuovo chipset dotato di Intelligenza Artificiale. Esso è alimentato da LG Neural Engine, la prima architettura proprietaria di LG nel campo dell’IA, che permette di simulare il processo di cognizione neurale umana, al fine di migliorare, in maniera quanto più completa possibile, la curva di apprendimento degli algoritmi.

I dispositivi che saranno dotati dell’Intelligenza Artificiale sviluppata da LG non richiederanno una connessione internet per sfruttare tale tecnologia, in quanto quest’ultima sarà sviluppata all’interno del processore, che al suo interno avrà anche un sistema di difesa per i dati personali, in modo tale da prevenire gli attacchi da parte di hacker.

L’area della cybersecurity del processore ricoprirà soltanto una parte del chipset, che sarà utilizzata da quei processi che richiedono un’alta protezione dei dati; il resto del chipset servirà ad elaborare i processi base del dispositivo connesso.

Una lavatrice Smart di LG, programmabile dall’app SmartThinQ.

L’Intelligenza Artificiale di LG porta con sè l’intelligenza visiva, una tecnologia in grado di riconoscere lo spazio, la locazione, gli oggetti e gli utenti intorno al dispositivo che ne è dotato. Essa è accompagnata dall’intelligenza vocale, che permette di riconoscere la voce degli utenti e i rumori ambientali, e dall’intelligenza del prodotto, la quale raccoglie informazioni chimico-fisiche sull’ambiente circostante.

L’intelligenza visiva, componente attiva del dispositivo che ne è dotato, permette di adattare le sue lenti grandangolari in base alla luminosità ambientale, permettendo una messa a fuoco ottimale per la localizzazione e la mappatura dell’ambiente circostante.

L’Intelligenza Artificiale di LG sarà montata sui chipset dei dispositivi LG Electronics di ampio uso comune, quali robot per la pulizia della casa, lavatrici, frigoriferi e condizionatori. LG espanderà lo sviluppo di tale IA attraverso la collaborazione con altre aziende, con diversi laboratori di ricerca e tramite le iniziative universitarie.

Il futuro dell’IA di LG mira ad essere “evoluto, connesso e aperto ad ulteriori sviluppi e miglioramenti”: queste le parole di IP Park, presidente e CTO di LG Electronics, il quale continua sottolineando: “il nostro chipset dotato di Intelligenza Artificiale è sviluppato per garantire tale tecnologia ai prodotti futuri di LG Electronics”.

Il nuovo chipset, perciò, si prepara ad entrare nelle abitazioni di milioni di utenti: sarà in grado di migliorarne la qualità della vita oppure avrà una tecnologia troppo invasiva da implementare nel campo della domotica moderna?

 

Per ricevere notizie sulla telefonia e sul mondo 5G è possibile iscriversi gratis al canale t5git di Telegram. Condividete le vostre opinioni e/o esperienze commentando gli articoli.

Tag
Adv
Back to top button
Close